lunedì 29 maggio 2017

DECIEM | The Ordinary: esperienza di acquisto e haul

The Ordinary è senza dubbio il brand di skin care del momento. Nato nel 2013, ha spopolato in America e adesso sta arrivando anche in Europa e in Italia e io sono stato attirato come un gatto al lardo, e ci ho lasciato lo zampino.



The Ordinary è un brand canadese che fa parte del marchio DECIEM | The Abnormal Beauty Company fondato da Brandon Truaxe e che consta di un range di diversi altri marchi che passano dalla skin-care agli integratori, ai prodotti per capelli.
Questi brand sono un po' l'uno l'evoluzione dell'altro per cui ci sono delle differenze di prezzo e in questo senso The Ordinary rappresenta la base di questa piramide. 
Il sito ufficiale è tradotto in italiano ed è molto chiaro e spiega meglio di quanto potrei far io quello che è lo scopo e il concetto di questo marchio, per cui cito

"The Ordinary è una linea di trattamenti in continua evoluzione che offre tecnologie cliniche familiari ed efficaci, posizionata per accrescere l'integrità in termini di prezzi e comunicazione nel settore cosmetico. [...] La sua offerta è pioniera, non tanto nelle tecnologie familiari che utilizza, bensì in termini di onestà ed integrità.
The Ordinary è orgogliosa della propria onestà, combatte la stagnazione dell'innovazione nel settore e celebra indirettamente la profonda innovazione che i nostri marchi, Hylamide e NIOD, continuano ad apportare alla categoria.
Tutti i prodotti e i marchi DECIEM, incluso The Ordinary, sono privi di parabeni, solfati, olio minerale, metilcloroisotiazolinone, metilisotiazolinone, oli animali, cloruro di benzalconio, coloranti al catrame di carbone, formaldeide, mercurio, ossibenzone. 
DECIEM non esegue test su animali e non paga terzi per farlo."

Un brand quindi che punta tutto alla qualità del prodotto, alla sua funzionalità e va al sodo. Ogni singolo prodotto ha uno scopo particolare basato su un singolo attivo specifico ad alte percentuali; in questo senso potremmo definirli dei cosmeceutici. 
Non sono dei prodotti ecobiologici, per chi fosse dedito a quel tipo di cosmesi, però molti dei prodotti non contengono siliconi, inoltre tutta la linea è cruelty free e vegan. Il sito comunque elenca tutti gli INCI.
The Ordinary, ma direi anche l'intero concetto di DECIEM, si rivolge a consumatori consapevoli, interessati a conoscere quello che utilizzano per la propria cura della pelle. Ma sono sicuro che anche il consumatore più distratto è in grado di utilizzare questi prodotti visto che il sito descrive la funzione degli attivi presenti nelle loro formule, spiega come introdurre questi cosmetici all'interno della propria routine, quando utilizzarli, quali prodotti possono essere usati insieme e si sofferma anche su quali possono essere le controindicazioni, specie nel caso di prodotti esfolianti a base di alfaidrossiacidi. Sul sito si trova una guida con inclusi degli esempi su quando e come utilizzare i singoli prodotti; inoltre l'azienda consiglia di utilizzare un massimo di tre sieri per regime.
Il costo così basso e accessibile (da 5€ a 17 € circa) che The Ordinary offre è dovuto al fatto che l'azienda non spinge su una campagna di marketing eccessivo e utilizza packaging essenziali. Dietro però c'è anche un po' di marketing: penso che questo marchio sia un apripista, un sonaglio che attira facilmente l'attenzione verso DECIEM e verso anche i prodotti più cari. 
Tutto questo mi è parso molto arrosto e poco fumo che mi ha spinto a provare alcuni di questi prodotti. The Ordinary ha una linea che comprende più di 20 prodotti per la skin-care più un paio di fondotinta che sono gli ultimi nati del brand. Questi prodotti, nonostante in parte siano anche creme e fluidi, hanno per la maggiore la consistenza di sieri, quindi una texture tendenzialmente fluida o gellosa, per questo ho pensato potessero ben sposarsi con il periodo estivo. Ma dopo tutta questa teoria che può confondere, passiamo alla pratica.



The Ordinary arriva in Italia dal sito ufficiale ma la si trova anche su siti come Asos e Maquillalia. Io volevo provare ad acquistare dal sito ufficiale per capire come fosse il servizio offerto dall'azienda, nonostante loro stessi dicono che, per via dell'alto numero di ordini, ci possono essere dei ritardi nella spedizione. Ma io non avevo fretta.
Così giorno 13 Maggio ho inoltrato il mio ordine. Il sito secondo me è molto semplice da navigare, e ci sono due metodi di pagamento: Paypal o con carta di credito. Io ho pagato con Paypal. Al momento del pagamento vi vengono richiesti i vostri dati e vi faranno iscrivere al sito.
Le spese di spedizione ammontano a 4.99€ per ordini sotto i 25 euro, al di sopra sono gratuite. Direi ottimo se considerate che la spedizione è tracciata. In Italia The Ordinary arriva dal Regno Unito, in particolare il mio pacchetto è stato spedito da Nottingham con corriere DPD, quindi non ci sono costi aggiuntivi di dogana o problemi di sorta.
Attenzione: una volta che avete inoltrato l'ordine non può essere modificato, ma può solo essere cancellato contattando il servizio clienti anche tramite il form sul sito.
Il mio pacchetto, contro ogni mia aspettativa, è stato spedito giorno 17 Maggio, quindi dopo 2 giorni lavorativi se considerate che di mezzo c'era la domenica.



Dopo un paio di giorni ricevo un sms da parte del corriere Bartolini in cui mi dicevano che aevano preso in carico il mio pacco da parte di DECIEM, e che la consegna era prevista per il 23 maggio. Sul sito di Bartolini infatti mi segnalavano che il mio pacchetto era arrivato in Germania e che avevo l'opportunità di scegliere un'altra data di consegna o un altro indirizzo.
Giorno 23 maggio il mio bellissimo corriere Bartolini mi consegna questa piccola scatola con all'interno i prodotti che avevo scelto, incartati in della pluriball, più la fattura con tutti i dati.



Insomma 7 giorni lavorativi per un pacchetto dall'Inghilterra non mi sembra male.
In questo post non andrò a fondo riguardo i prodotti che ho scelto anche perché meritano un minimo di approfondimento e di questo passo finisce che compio 30 anni davanti alla tastiera, ma vi posso intanto dire che per scegliere i prodotti ho guardato prima tantissime review perché volevo capire quali prodotti potessero rispondere alle mie esigenze, "all'obiettivo" che vorrei raggiungere. Ho cercato di capire se sarebbero stati sostitutivi della mia skin care routine o li avrei potuti inglobare insieme ad altri prodotti che stavo già usando.
Inoltre essendo estate ho preferito evitare sia i retinoidi che gli alfaidrossiacidi
Ho scelto l'Argireline Solution 10%, il cui attivo è un peptide che è un marchio di proprietà della Lipotec. Vi dico solo che questo ingrediente è definito il sostituto del Botox, o meglio la sua variante "in bottiglia" e quindi agisce sulle rughe dinamiche del viso date dal contrarsi dei muscoli facciali, soprattutto sul contorno occhi e fronte.
Ho scelto poi il Buffet, che è l'unico dei prodotti che contiene più ingredienti attivi al suo interno, come ad esempio Matrixyl, vari peptidi e acido ialuronico ed ha lo scopo di idratare e combattere le rughette. E per finire ho preso il Caffeine Solution 5% + EGCG, ovvero un mix di caffeina e catechina del tè verde che dovrebbero aiutare a sgonfiare gli occhi e ridurre le occhiaie.



Da giorno 23 ho iniziato ad utilizzare questi prodotti, e qui potete trovare la recensione completa. Voglio però provare altri prodotti di questo marchio e spero che amplino man mano il range con un detergente viso e più prodotti in crema.
Fatemi sapere se conoscevate The Ordinary, se avete provato qualcosa e noi ci leggiamo presto!





32 commenti:

  1. Non lo conoscevo. Ora sbircio di brutto il sito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se trovi qualcosa di interessante 😉

      Elimina
  2. Non ho mai sentito parlare di questo marchio, ora sono curiosa :) Spero che il prodotto che ti ha deluso non sia il Caffeine Solution, mi incuriosisce troppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Testo tutto ancora un po' e ne parlo presto :D

      Elimina
  3. Ciao, chiaramente conoscevo il brand, non si parla d'altro sul tubo...;-)...ma anch'io presto ho capito si trattasse di un'operazione di marketing ben riuscita...sulla qualità anche lì ho visto essercene poca così come gli inci non perfetti mi hanno alla fine fatto desistere...trovo giusto il tuo approccio e visto il costo anch'io avrei provato qualche attivo più accettabile....a questo punto quindi aspetto la recensione sui due sieri che ti sono piaciuti di più!!! :-D ...grazie per il post...sempre di piacevolissima lettura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! In che senso hai notato che di qualità ce n'è poca? Hai sentito brutte recensioni?
      Grazie mille a te per essere passata, presto arrivano quantomeno le prime impressioni :)

      Elimina
  4. Ecco finalmente che ne parli. Appena li ho visti su Instagram ho pensato "Chissà se Pier farà una recensione"! Mi incuriosiscono, ma avendo appena speso 34€ per tre prodotti di cui solo uno era realmente necessario, aspetterò le tue opinioni :)

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che hai comprato di bello?
      Ero troppo curioso per non lanciarmi :D

      Elimina
  5. Io li ho ordinati su Asos Italia sfruttando un codice sconto, sono arrivati sani e salvi per miracolo perchè non c'era nessun tipo d'imballaggio nella scatola. La Niacinamide al 10% con zinco al 1% mi sta piacendo moltissimo, è schiarente, lenitiva, astringente, opacizzante ed è l'unica cosa che abbia mai provato che riesce a tenermi sotto controllo l'eccesso di sudorazione estiva. Lo ialuronico triplo peso con vitamina B5 è efficace (soprattutto su labbra e decolletè) ma non molto piacevole da applicare, risulta un po' appiccicoso, mentre la Vit C al 12% ha una consistenza leggera, fresca e acquosa ma risulta un po' aggressiva sulla mia pelle sensibile. Sono curiosa di leggere il tuo parere sul Buffet, è spesso esaurito su Asos e non sono ancora riuscita a provarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto grazie mille per la tua testimonianza anche su Asos, pensa che proprio ieri ho ordinato un prodotto da loro. Speriamo bene!
      La Niacinammide personalmente non credo si sposi al mio tipo di pelle mentre per l'acido ialuronico ho sentito recensioni simili riguardo al fatto che sia un po' appiccicoso. Peccato perché l'avrei provato!
      Arriveranno presto tutte le mie impressioni :)

      Elimina
  6. Come già sai, io esigo il sostituto del botox. Dovrei proprio berlo secondo me :D
    Scherzi a parte (mica tanto) attendo ovviamente una recensione!

    RispondiElimina
  7. Sì esatto, ho sentito pareri di amiche che hanno già testato i prodotti...certo anche i prezzi così bassi sono un indice di valutazione...per quanto mi riguarda poi io uso da anni prodotti organic e green, sugli inci dovrei fare dei compromessi che farei solo rispetto ad alcuni ingredienti ed ad un indubbia qualità elevata! ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio discorso è simile al tuo nel senso che anche io uso prodotti bio da anni e preferisco TENDENZIALMENTE usare quelli, e spendere in quelli, ma nel caso di The Ordinary ho visto un compromesso di ingredienti che non troverei nella cosmesi bio e il fatto di non avere alcuni ingredienti dannosi. Vedremo a lunga distanza che benefici ottengo :)

      Elimina
    2. ...si lo so, ti leggo da anni, condivido infatti quello che dici, al momento io sto studiando Niod ;-)

      Elimina
    3. Da anni? Beh grazie mille :D
      Fammi sapere se provi qualcosa di interessante. Gli altri brand li ho guardati un po' distrattamente in verità.

      Elimina
  8. Ciao Pier, anche io non conoscevo questo brand. Mi piace molto il packaging dei prodotti, con quel punto finale :)
    Anche io come te preferisco usare prodotti bio, a meno che le formulazioni non siano particolarmente interessanti e queste lo sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pack è davvero carino, semplice ma funzionale :)
      Purtroppo sì, è un compromesso da accettare se si vogliono utilizzare questi ingredienti. Almeno non ci sono siliconi. Baci!

      Elimina
  9. Sono felice di leggere di questo brand anche qui da te, perché poi c'è da sperare in una recensione più avanti e di te ho fiducia.
    Il brand mi incuriosisce molto ed io apprezzo pure la politica del packaging essenziale, del costo accessibile e della pubblicità poco pressante.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà sicuramente la mia recensione :)
      Grazie!!
      Baci

      Elimina
  10. Non lo conoscevo e ora sono curiosa di leggere qualcosa in più sulle tue impressioni :)

    RispondiElimina
  11. Mi perplessa alquanto, perché non sono ecobiologici e soprattutto non ho la garanzia che siano privi di glutine!
    Mi informerò meglio.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio a te! Se hai novità sul fatto del gluten free facci sapere :)

      Elimina
    2. sul sito ufficiale trovi tuti gli inci e uno schema iniziale in cui viene indicato chiaramente quando sono privi di glutine, siliconi, alcol, sostanze animali, ecc

      Elimina
    3. Penso volesse dire che non ci sono certificazioni a tutela del fatto che siano gluten free. Poi non so se abbia appunto guardato il sito o il suo discorso era generale :)

      Elimina
  12. ciao, anch'io ho preso tre prodotti di questo marchio, spinta non solo dalle recensioni ma anche dai prezzi accessibili, ti dico la verità: l'acido lattico, un buon esfoliante, ma c'è di meglio; il buffet che sulla mia pelle ha un effetto tensore e rimpolpante, e l'olio di rosa canina, che mi ha davvero sorpresa, perché è molto asciutto come olio e lascia la pelle liscia e setosa, fa quasi effetto primer, ovviamente con queste temperature non è il massimo, ma è davvero un ottimo prodotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Effettivamente i prezzi invogliano parecchio proprio a comprare tutto :D
      Ti ringrazio per i tuoi feedback sui prodotti perché vorrei prendere uno degli acidi e devo ancora decidere se appunto l'acido lattico, o il retinolo. Vedremo. Voglio anche provare gli oli, ma li tengo in coda per l'autunno :)

      Elimina
    2. non so perché, ma non mi arrivano le tue risposte :( cmq per quanto riguarda gli acidi rimanda a settembre, il sole picchia troppo per questo tipo di trattamento, io penso che salterò il retinolo perché mi sembra un po' blando e opterò per quello AHA 30%, dal colore violaceo per intenderci, perché è più strong, ma se hai la pelle ultra sensibile te lo sconsiglio, perché è indirizzato a chi ha già dimestichezza con questo tipo di prodotti ;)

      Elimina
    3. Ciao! Purtroppo l'unico modo per ricevere la notifica ai commenti è mettere la spunta a "inviami notifiche" qui nel box commenti ma praticamente ti manda una mail con TUTTI i commenti. Blogger è così.
      Assolutamente, acidi in autunno/inverno, qui in Sicilia aspetto sempre almeno ottobre per questi trattamenti perché a settembre ancora il sole picchia molto!
      Quella al 30% mi incuriosiva, anche perché è una maschera in pratica e puoi usarla a zone se non vuoi andare all over, ma devo un po' vedere perché sarebbe perfetta per i miei segni di un vecchio acne, ma ho paura sia troppo (pur non avendo la pelle sensibile) Ancora c'è tempo per pensarci :D. Ho sentito però che anche il retinolo al 2% è valido.

      Elimina
    4. ahh ecco, vabbeh, dai mi ricorderò di ripassare dopo qualche giorno, anche perché mi da fastidio non rispondere se mi si fa una domanda in un commento ;) sì, quel esfoliante è una maschera, un po' come la glicolica al 50% del dr taffi che ho provato e che pizzica parecchio, ma i risultati ci sono! ma cmq è presto ora, ci aggiorneremo più in là, anche qui a roma a settembre il sole picchia parecchio ;D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...